Copia del violino Ole Bull in concerto Il legno delle foreste della Val di Fiemme rinasce grazie alla musica Stampa
Scritto da Administrator   
Giovedì 04 Aprile 2019 09:45

Legno di risonanza in Italia, una icona proveniente dalle foreste della Val di Fiemme, dal Tarvisio e dalle Valli Bellunesi località salite tristemente agli onori della cronaca in occasione del ciclone Vaia. Solo una piccola percentuale degli abeti rossi della foresta è depositaria di quelle vibrazioni della Tavola armonica di violini, viole e violoncelli nonché di altri strumenti a corde destinate alla musica classica anch’essi sconvolti dalla furia della natura insieme alle foreste che gelosamente li racchiudevano.

Federforeste in collaborazione con Comune di Salò, Provincia Autonoma di Trento (Assessorato all'Agricoltura e Foreste), Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano e, la Scuola Internazionale di Liuteria “Antonio Stradivari” di Cremona – l'istituto liutario più̀ prestigioso al mondo – realizzerà nel proprio laboratorio una copia fedele dell'Ole Bull, il mitico e iconico violino di Gasparo da Salò che prende il nome dal grande virtuoso norvegese che lo possedette.

Il violino sarà̀ pronto in tempo utile per l'Estate Musicale 2019, e verrà̀ suonato durante i concerti del festival e successivamente donato al MuSa, il Museo di Salò.

 

Inoltre Federforeste e i vari soggetti uniti dalla comune volontà di dare nuova vita agli abeti rossi e di dare ancora una volta dimostrazione della capacità della musica e dell'arte di trasformare in bellezza eventi negativi doneranno alla Scuola di Liuteria di Cremona, grazie alla generosità̀ della Provincia Autonoma di Trento, una fornitura di tavole di pregiato abete di risonanza proveniente dalla Val di Fiemme, legno usato fin dai tempi di Gasparo per costruire i migliori violini.

Il Legno del progetto Ole Bull passerà nelle sapienti mani del liutaio per avviare quel processo di costruzione figlio di un tradizione che vede l’artigiano seguire la sua creatura a partire dall'albero e fino allo strumento finito: per tale ragione ogni liutaio costruisce al massimo da 3 a 6 strumenti all'anno.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Aprile 2019 09:59