Ue, avviata la consultazione pubblica sugli Aiuti di Stato nel settore agricolo, forestale e nelle zone rurali. Stampa

La Commissione europea ha recentemente avviato due consultazioni pubbliche concernenti il regolamento sugli Aiuti di Stato nel settore agricolo, forestale e nelle zone rurali 2014-2020 (Reg. 702/2014) e sul Regolamento generale di esenzione per categoria (Reg. 651/2014). I contributi possono essere inviati entro il 27 febbraio. Le due consultazioni sono accessibili ai seguenti link: 1. https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/initiatives/ares-2019-534044/feedback/add_en?p_id=382942 2. https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/initiatives/ares-2019-526584/feedback/add_en?p_id=382478 Sul tema Aiuti di stato, si segnala, inoltre, l’iter normativo in atto per la modifica dei massimali di aiuto per beneficiario e per Stato membro fino ai quali la concessione di aiuti nel settore agricolo non costituisce un Aiuto di Stato, in quanto non rischia di falsare la concorrenza. La proposta di modifica prevede l’innalzamento a 20/25 mila € dagli attuali 15 mila € a seconda delle condizioni dello Stato membro (predisposizione del Registro unico degli Aiuti di stato).
La consultazione pubblica avviata dalla Commissione europea ha l’obiettivo di recepire considerazioni e suggerimenti in vista della prossima modifica degli strumenti giuridici che regolano gli Aiuti di stato. In merito, si evidenzia che molti aiuti italiani sono concessi in regime de minimis, dal Fondo latte al Fondo grano duro per Contratti di filiera.